+39 0364 1946205 info@terapiaparkinson.it
Parkinson Scam

Una nuova era di cure per il Parkinson

Cure per il Parkinson, dove siamo?

A 200 anni dalla scoperta, stiamo per entrare in una nuova era di cure per il Parkinson

Prima di arrivare al succo del discorso, facciamo un riepilogo di qual è il problema principale che riguarda le cure per il Parkinson.

I ricercatori sono abbastanza sicuri che l’accumulo della proteina alfa-sinucleina è responsabile per i neuroni morenti nelle persone con malattia di Parkinson.

C’è un’esplosione di iniziative sulla salute da parte del settore pubblico e privato che attraversa diverse discipline. Questo ha portato un numero crescente di esperti a credere che faremo ulteriori progressi nel prossimo decennio di quanto abbiamo fatto nel secolo scorso. Forse anche a trovare nuove cure per il Parkinson!

Di certo è una buona ragione per essere fiduciosi considerando quello che la medicina era un centinaio di anni fa.

Questa rivoluzione medica sarà ulteriormente sostenuta da nuove e migliorate tecniche di “imaging”. Una grande parte del problema che abbiamo ancora di questa malattia è che non possiamo realmente vedere ciò che è sbagliato.

Ogni persona che ha il Parkinson ha sintomi leggermente diversi, ma non si sa davvero il motivo, poiché non possiamo vedere con precisione nella testa del paziente.

Presto una nuova linea di tecniche di imaging sarà disponibile e darà ai chirurghi e ai ricercatori una migliore comprensione di ciò che sta succedendo nella testa di ciascun paziente. Questo moltiplicherà le possibilità di trovare presto nuove cure per il Parkinson.

In aggiunta, ci sono alcune grandi collaborazioni in corso, come il progetto europeo sul cervello umano e l’iniziativa sul cervello in corso in USA. Queste iniziative di ricerca stanno cercando di fare per il cervello quello che il progetto “genoma umano” ha fatto per la comprensione del genoma.

In caso di successo darà ai ricercatori una visione senza precedenti sul modo in cui le nostre menti sono fatte.

Poi ci sono le nuove terapie.

I TRATTAMENTI ATTUALI MIGLIORANO DI GIORNO IN GIORNO

Levodopa

Per 50 anni questo farmaco miracoloso ha portato sollievo a milioni di persone affermandosi la più efficace tra le cure per il Parkinson. Naturalmente, i problemi persistono, vale a dire riuscire a passare la barriera ematoencefalica, assicurandosi una fornitura più costante di farmaco che arriva a destinazione per ridurre le fluttuazioni on/off.
Per aggirare alcuni di questi problemi ora abbiamo cerotti a lento rilascio, e capsule a rilascio prolungato. Così come le pompe intestinali che forniscono un flusso costante di farmaco direttamente nell’intestino.
Naturalmente questo farmaco non è una soluzione ideale perché vi sono effetti collaterali dovuti a un uso a lungo termine. In primo luogo le discinesie ma, per ora, è ancora la migliore soluzione che possiamo avere.

Stimolazione cerebrale profonda

Questa meraviglia della fantascienza è diventata la regina indiscussa dei trattamenti moderni. Si è già dimostrata essere un operatore di miracoli nel rianimare centinaia di migliaia di persone con la sua “magia elettrica”. Anche questa terapia è in costante miglioramento.
«Invece di impiantare dispositivi che semplicemente forniscono una stimolazione elettrica continua, si stanno sviluppando tecnologie che assicurano scossoni stimolanti solo quando richiesto. L’idea è quella di progettare la DBS in modo che il sistema possa monitorare l’attività elettrica nei gangli basali e, quando rileva un segnale anomalo, possa rispondere automaticamente con una stimolazione appropriata. Un dispositivo intelligente…» dal libro di John Palferman “Brain Storms”.

TERAPIE PRESTO DISPONIBILI (DA 2 A 5 ANNI)

Nuovi Farmaci

C’è una lunga lista di promettenti farmaci che sono già in sperimentazione clinica. Alcuni di questi farmaci non solo hanno il potenziale per offrire solo un sollievo sintomatico, ma andranno a modificare le terapie attuali.

Tecniche di neuromodulazione

Un certo numero di nuove tecniche di neuromodulazione sono state testate per l’uso clinico. La più diffusa è chiamata stimolazione magnetica transcranica. I magneti sono attaccati all’esterno della testa del paziente e inviano una corrente elettrica concentrata in profondità nelle aree bersaglio del cervello. Già esiste una terapia approvata per la depressione e la TMS è ora in fase di valutazione per il Parkinson .

TERAPIE ALL’ORIZZONTE (5 A 10 ANNI)

Immunoterapie

L’identificazione del ruolo chiave dell’alfa-sinucleina fa credere che potremmo essere in grado di sfruttare il sistema immunitario del corpo. Sia per fermare gli accumuli di proteina ma anche per mitigare le risposte infiammatorie naturali che danneggiano i neuroni.

Farmacogenetica

La rivoluzione genetica ha stimolato lo sviluppo di un settore relativamente nuovo della farmacologia chiamato farmacogenetica. Alla fine, invece di fare un farmaco per tutti, saremo in grado di modificare i farmaci perché si adattino meglio alla condizione unica di ogni persona.

Terapie con cellule staminali

Ci sono stati una serie di studi negli anni ’90 che hanno avuto risultati contrastanti. Di recente, però, una serie di laboratori di tutto il mondo ha iniziato a riesaminare il potenziale terapeutico delle cellule staminali.
Questo è dovuto in parte alla scoperta nel 2007 di un nuovo tipo di cellule staminali chiamata cellule IPS. Queste permettono ai ricercatori di far crescere cellule staminali pienamente funzionanti da cellule della pelle del paziente.
Ciò ha aperto la porta a una nuova serie di terapie, oltre a darci migliori modelli di malattia.
Da quei primi test abbiamo anche fatto una serie di altri progressi nella nostra comprensione di come utilizzare le cellule staminali. Cosa che ha portato ad alcuni risultati sorprendenti in test sulle scimmie. Alcuni laboratori sperano di spingere in avanti verso la sperimentazione umana a partire dalla fine di questo anno, anche per le cure per il Parkinson.

Terapie con geni modificati

Come detto in precedenza, il campo della genetica sta esplodendo. Uno dei più grandi benefici per la società che verranno da essa è una nuova serie di terapie geniche chiamate “Terapie con geni modificati”. La più popolare oggi si chiama CRISPR, una tecnica che permette già ai ricercatori di tagliare e incollare il codice genetico e cambiare il genoma degli organismi viventi. Un certo numero di articoli sono usciti parlando di questo tipo di tecniche come il futuro della medicina.
Questo primo uso di CRISPR è stato fatto in un malato di cancro ai polmoni in Cina lo scorso autunno. Inoltre, è anche utilizzato per aiutarci a comprendere malattie neurodegenerative, tra cui il morbo di Parkinson .

TRATTAMENTI FUTURI (ANNI 10+)

Programmazione diretta

In concomitanza con la terapia genica, la “programmazione diretta” potrebbe essere la soluzione definitiva al problema della neurodegenerazione. Si tratta di un sottoinsieme del nuovo campo della biologia sintetica che alla fine permetterà di modificare i tipi di cellule negli organismi viventi. Per esempio, nelle persone con malattia di Parkinson, saremo in grado di riprogrammare le altre cellule sane nella zona interessata (cellule gliali o astrociti). Cioè trasformarle in cellule che producono dopamina.

Fonte; parkinsonlive.it