+39 0364 1946205 info@terapiaparkinson.it

FAQ - DOMANDE FREQUENTI SUL PARKINSON

E’ difficile accettare di avere il Parkinson, e vivere con questa malattia è una sfida continua. La paura che circonda la parola “Parkinson” è generata da ciò che non si sa riguardo ad esso come da quello che già sappiamo.

Che cosa è il Parkinson?

All’ “European Parkinson Therapy Centre” crediamo di poter rispondere a questa domanda in termini semplici e precisi.

Il Morbo di Parkinson NON è una condanna a morte e con i moderni farmaci e la terapia NON è un biglietto di sola andata per un viaggio in caduta libera, ma di questo parleremo più avanti. Il Parkinson è, in termini medici, una “malattia neurodegenerativa, caratterizzata da un livello ridotto di una sostanza chimica chiamata dopamina nella parte del cervello chiamata “substantia nigra”. Ebbene questa parte del cervello controlla il coordinamento dei movimenti, la perdita di dopamina e la morte delle cellule cerebrali provoca problemi di movimento e disturbo muscolare.

Il Parkinson non è una malattia rara, anzi i casi di Parkinson sono in continuo aumento (la ricerca deve ancora trovare una spiegazione al perché di questo aumento, contaminazioni quotidiane e un maggiore livello di stress sono due delle possibile cause) e colpisce circa 1 persona su 500 (questa cifra varia in base al Paese e alla razza).

Il Parkinson non è “una malattia degli anziani”, in quanto il 10% di tutti i casi si verificano in adulti sotto i 50 anni di età, è invece vero che gli uomini hanno più probabilità rispetto alle donne di sviluppare i sintomi.

Che cosa significa per me?

Il Parkinson è una malattia degenerativa, che non può (ancora) essere fermata. Può essere limitata e rallentata nella sua progressione grazie alla medicina moderna e alla terapia che alleviano la vasta gamma di disturbi di movimento e disagi muscolari di cui soffre un malato di Parkinson.

Questi disagi includono tremori, rigidità di movimenti, stanchezza, perdita di equilibrio e destrezza, possono anche verificarsi problemi di sonno e della vescica e non è raro, nelle persone affette di Parkinson il “congelamento”dei muscoli.

Il decorso della malattia in ogni paziente è diverso, ma col passare del tempo tutti soffriranno di sintomi più problematici e si arriverà ad un punto in cui sarà necessario affrontare la realtà della malattia e cambiare abitudini per migliorare la vita.

Ma … ed è qui è la buona notizia, tu non sei solo, ci sono modi per combattere la malattia (sia con medicinali che con la terapia non farmaceutica) e la tua vita può diventare più significativa e soddisfacente se lo vorrai.

The European Parkinson Therapy Centre è un leader nella terapia non farmaceutica. La ricerca dimostra che è più di una semplice terapia fisica mirata, essa porta anche serenità e una nuova attitudine nell’affrontare la malattia, beneficiando di questo cambiamento anche familiari ed amici.

Vivere con il Parkinson

A parte i farmaci che vengono attentamente monitorati dallo specialista, c’è molto che si può fare per vivere una vita completa e soddisfacente, anche se modificata. Questo Centro è stato fondato su questo principio e il progetto si chiama Caleidoscopio “perché la tua vita cambierà, ma può essere ancora ricca di colore e profondità”.

Il Centro utilizza le più recenti tecniche e le combina con un ambiente rilassante, riunisce terapia fisica (per sciogliere i muscoli, migliorare l’equilibrio ecc), la terapia ricreativa (per rinforzare i muscoli) e il benessere mentale con consulenza educativa per dare a te e alla tua famiglia le informazioni necessarie, la consapevolezza della malattia e la sua accettazione, passi fondamentali per affrontarla e migliorare la propria vita e quella dei familiari.

Il centro Parkinson vi darà gli strumenti per procedere con la terapia personalizzata una volta tornati a casa e vi aiuterà a imparare a vivere una vita piena e ricca di colori !

Famiglia

Nei primi anni, dopo la diagnosi della malattia, spesso i sofferenti tendono a nasconderla, a non volerla affrontare e si rifiutano di parlarne o, peggio ancora, pensano che il Parkinson sia una condanna a morte. Questo è uno sbaglio perchè in quegli anni perduti sono spesso i familiari o le persone che ti sono vicine che soffrono per la preoccupazione, la mancanza di comprensione e lo stress di non sapere come comportarsi e cosa poter fare per aiutare. Senza parlare dell’angoscia di vivere la malattia in solitudine.

The European Parkinson Therapy Centre crede fortemente nell’includere la famiglia nell’equazione. Un problema condiviso è un problema dimezzato o almeno un peso minore per tutti. Incoraggiamo familiari ed amici a venire in “vacanza” con te, per divertirsi insieme, per immergersi nella cultura della quale la nostra Valle è ricca, assaporare la ricchezza di sapori della nostra cucina, godere dell’ospitalità e delle bellezze naturalistiche della zona. E una sera potete partecipare insieme alla riunione personalizzata su come vivere meglio con il Parkinson

Perché proprio a me?

Spesso questa è la prima domanda che ti chiedi e non c’è una risposta facile. Ma la domanda più importante è: “Come posso rendere la mia vita piena, ora che so che sono io”. Spesso, nei primi anni, i pazienti evitano di parlare apertamente del Parkinson ed evitano anche la terapia ospedaliera. Vogliamo che per il tempo che starai con noi tu ti senta un gradito ospite con il quale parleremo apertamente su come vivere una vita piena anche con il Parkinson.

L’attore Michael J Fox è in prima linea nella lotta contro il Parkinson, egli convive con il Parkinson da oltre 20 anni e nel suo libro “Le avventure di un inguaribile ottimista, Always looking up” mostra come la presa di coscienza della malattia e l’accettazione che “sì sei tu”, sono i primi passi sulla strada per ottenere una vita migliore.

FAQ - DOMANDE FREQUENTI SULLA TERAPIA PARKINSON

The European Parkinson Therapy Centre è specializzato nella terapia non farmaceutica della malattia utilizzando le più recenti ricerche sulla terapia fisica che mostrano come l’esercizio fisico mirato non solo possa alleviare i sintomi ma possa anche aiutare il cervello a ripristinare i collegamenti persi (neuroplasticità).

Alcune domande frequenti sulla terapia fisica del Parkinson.

Perché dovrei seguire questa terapia?

Grazie alla terapia fisica effettuata nel centro e continuata poi a casa si possono diminuire i sintomi della malattia e rallentare la perdita di mobilità.

La ricerca dimostra che l’esercizio fisico mirato e la fisioterapia correttamente applicata possono ridurre notevolmente alcuni dei peggiori sintomi del morbo di Parkinson, soprattutto nei primi anni.

Il nostro personale, altamente qualificato, ti seguirà attraverso una routine di esercizio quotidiano e potrai contare su consulenti che ti aiuteranno ad affrontare la malattia in modo consapevole.

Tu non sarai un paziente, ma sarai il nostro ospite, in “vacanza” in un ambiente accogliente, e anche la tua famiglia o amici potranno godere di questa “vacanza”.

Il protocollo di terapia ha dimostrato di poter alleviare i sintomi e migliorare la mobilità, ma la terapia migliore è quella che porterai con te: la consapevolezza dell’importanza dell’esercizio fisico mirato e corretto,la conoscenza del protocollo terapeutico e la capacità di proseguirlo in modo autonomo a casa, la consapevolezza che l’approccio positivo e l’evitare lo stress sono elementi molti efficaci e fondamentali per condurre una vita gratificante, e anche i vostri familiari ed amici beneficeranno di questo nuovo approccio verso la vita.

Quale terapia mi serve?

Essere in un ambiente rilassante e senza stress è essenziale. The European Parkinson Therapy Centre è situato in una delle più belle regioni d’Italia, cirdcondato da montagne e vicino al lago offre molto.

Considerate il vostro soggiorno come una “vacanza” e noi penseremo al resto, proponendo fisioterapia mirata (composta da 4 elementi), consulenza personalizzata a voi, e alla vostra famiglia se lo desidera, fornendo informazioni utili su cosa aspettarsi e come affrontare una vita con il Parkinson.

Il Centro è leader nella terapia perchè utilizza una tecnica di movimenti ed esercizi fisici guidati da un protocollo creato dal nostro comitato scientifico composto da ricercatori, neurologi, psicologi e consiglieri provenienti dagli Stati Uniti e dall’Europa.
Per chi abita vicino, il centro fa corsi di 10 settimane in gruppi di 4 persone utillizando il protocollo terapeutico in essere.

Ma non mi piacciono gli ospedali

Gli ospedali sono per le persone malate e sono stressanti. Psicologicamente è sbagliato pensare al Parkinson come una malattia, si ha una vita ancora davanti, e se non si ha bisogno di un ospedale non c’è motivo per cui uno ci vada.

E la mia famiglia può venire con me?

Assolutamente sì. In realtà noi lo incoraggiamo. Questo è un momento per stare insieme e godere di una bellissima parte d’Italia, è un momento da condividere. Questo è uno degli aspetti unici del Centro Europeo di Terapia Parkinson.

Quando una persona si ammala di Parkinson tutta la sua famiglia ne è coinvolta, il Centro offre la possibilità a tutti i membri della famiglia di partecipare, se lo vogliono, all’incontro di consulenza personalizzato, ma offre anche la possibilità di godere di una bella vacanza in un ambiente paesaggistico unico.

Fisioterapia Parkinson

Informazioni correlate

PROGRAMMA

Programma completo della terapia ReGen

PROTOCOLLO

Protocollo completo della terapia ReGen

PACCHETTI TERAPIA

Pacchetti terapia settimanali Re Gen con tutti i prezzi.

CONTATTI

Recapiti ed informazioni per raggiungerci